American dream

ottobre 19, 2012

Molte persone dalla vita apparentemente tranquilla vivono piccoli drammi familiari. Non intendo cose grosse, mi riferisco a un dramma in particolare, quello del collezionismo forzato. Un esempio è una mia povera cugina che per aver detto per sbaglio una volta:” Che belle queste ranocchie”, si è ritrovata la casa piena di regali a forma di rana. La casa si è trasformata in un piccolo stagno. Povera.

Bene, io vivo ormai da tempo lo stesso dramma. Un dramma polveroso e kitsch. Parlo di tazze. Molte, troppe tazze intasano le mensole della mia stanzetta. Solo perché un lontano giorno piovoso, era mattina, dissi a mia madre:” Queste tazze che hai comprato mi piacciono un sacco!”. Scozia, Berlino, Barcellona, tutti i venditori di souvenir europei si sono arricchiti grazie ai miei parenti. Ultimamente mia zia è stata a New York e ho spolverato e fatto spazio sulla mensola per godere di una bella tazza “I heart NY”… e invece… incredibilmente… mia zia torna con una fantastica, calda, grande, patriottica sciarpa! Le lacrime di gioia hanno rigato il mio viso per una buona mezz’ora e mia zia è automaticamente salita al primo posto della classifica dei parenti più amati. Scusa zio Antonio.

Baci

Annunci

2 Risposte to “American dream”

  1. malinsophia said

    Lovely blog! would you mind following each other via bloglovin? 🙂

    Love,
    Malin @ http://fashionfied.tk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: