Chi ha detto che parlare di moda significa parlare solo di abiti? Che noia. Le ultime tendenze comprendono molto di più che vestiti e accessori: si parla di arredamento in voga, di animaletti da compagnia in voga, di figli in voga, di stili di vita e modi di allenarsi in voga. E di sesso. Ma non kamasutra e quelle cose lì, di erotismo individuale. E’ nato un vero e proprio business che riguarda i massaggiatori elettrici portatili, chiamiamoli così, come in Hysteria, film di cui parlo su manidistrega.it. E’ davvero impensabile che siano in commercio già da più o meno 130 anni. Ovviamente, venivano spacciati come miglioratori d’umore in soggetti femminili sofferenti d’isteria.

Pubblicità di un massaggiatore del 1910

Pubblicità di un massaggiatore del 1910

Beh, direi che al giorno d’oggi ne servirebbe uno a tutte le donne, anche se non l’ammetteranno mai. Andrea se n’è accorto e mi ha regalato lei, la chiamano “Rub my duck”. Che dolce.

Ma come mai le signorine si vergognano di ammettere di avere certe necessità? E’ un po’ come l’uomo che neanche sotto tortura ammette di aver pianto dopo aver visto “Io e Marley”. Dobbiamo farci il callo, nonostante viviamo in una società moderna e libertina, certi tabù sono duri da abbandonare: molte donne non ammetteranno mai di godere l’erotismo individuale, molti uomini non ammetteranno mai di piangere come femminucce, mia madre non ammetterà mai di essere vicina ai 50.

Baci

Rub my duck